"In laguna l'innovazione non si ferma"...

Da "GARR NEWS n. 15". "Sono passati sette anni dalla firma dell’accordo per l’interconnessione tra la rete metropolitana di Venezia e la rete della ricerca GARR. I protagonisti oggi come allora, sono, oltre a GARR, il Comune di Venezia e le due università della città: Ca’ Foscari e Iuav. Una collaborazione che ha dato i suoi frutti e negli anni ha visto crescere sul territorio la disponibilità di collegamenti in fibra ottica in un modello virtuoso che ha portato vantaggi a tutti i soggetti coinvolti."
 
.."Un altro degli enti storicamente connesso a GARR è il CORILA, l’associazione che promuove e coordina l’attività di ricerca, anche internazionale, avente come riferimento la laguna veneta. Il suo direttore Pierpaolo Campostrini ci racconta una rete che permette la collaborazione interdisciplinare e che consente di sopperire alle difficoltà logistiche legate al territorio lagunare: “Abbiamo connesso in rete due sedi distaccate che condividono le stesse risorse e in questo modo permettiamo ai nostri dipendenti di lavorare come se fossero nello stesso ufficio. Utilizziamo la rete anche per le telefonate visto che siamo passati al VoIP. Il vantaggio di essere connessi ad una rete insieme ad altri enti di ricerca è che le collaborazioni trasversali pronto all’innovazione: l’antica città è stata una delle prime città italiane ad avere un acquedotto per l’acqua potabile, una delle prime ad essere completamente metanizzata, e ai tempi di oggi una delle prime ad avere una rete metropolitana in fibra ottica”.
(dall'articolo di GARR NEWS n. 15, dicembre 2016).
 
L'articolo completo in: